La paura del dentista è un problema molto diffuso. E’ stato calcolato che il 5 – 10% delle persone che hanno bisogno di cure ha una paura talmente forte, che si fa vedere dal dentista solo quando il dolore è diventato insopportabile. Questa forma di panico è chiamata dentofobia. I suoi sintomi si producono durante le visite e consistono in tachicardia, tremore, sudorazione, sensazione di soffocamento, nausea e abbassamento della pressione sanguigna.
Anche se solo una minima parte dei pazienti è colpita da questa estrema forma fobica di ansia, circa il 70% della popolazione, secondo un’inchiesta, ha chiaramente paura di andare dal dentista. Le cause sono diverse: esperienze traumatiche subite da bambini, cattiva informazione e truci racconti di persone vicine (spesso i propri genitori).
Non sorrido più
Sicuramente ne risente anche l’estetica dentale; molti pazienti paurosi si vergognano dei loro brutti denti e del cattivo alito. La fiducia in se stessi tende a crollare. Spesso non hanno nemmeno il coraggio di parlare di questa paura neanche al proprio dentista. In questo modo si crea un circolo vizioso che non fa che aggravare la situazione.
Il mio amico dentista
Nella mia preparazione medica e professionale, molte energie sono state prodotte per la risoluzione di questo problema di primaria importanza. Ho trasmesso questa filosofia professionale a tutto il personale del mio studio dentistico.
Ci si libera della paura del dentista solo attraverso la costituzione di un gruppo di alleanza terapeutica, di cui fanno parte il paziente, il dentista, i parenti del paziente e il personale dello studio dentistico.
Ogni adulto e soprattutto ogni bambino, è considerato presso il nostro studio dentistico, nel suo aspetto di persona totale e non come oggetto-bocca da curare.
Non esistono atteggiamenti da parte dei medici e del personale caratterizzati da fretta e impazienza. Ogni paziente, durante la seduta odontoiatrica può con i propri tempi, metabolizzare angosce e dubbi.
Stabilire un rapporto medico-paziente sano è fondamentale per l’ottenimento di un serio risultato di cura. Solo così l’esperienza odontoiatrica può inserirsi serenamente ed armoniosamente nella vita di ciascuno!
Un ambiente rilassante
Lo studio odontoiatrico è stato progettato per fornire messaggi rassicuranti e incoraggianti per chi vi entra. Ognuno di noi sa interpretare l’ambiente che lo circonda, sentire una piacevole sensazione di armonia e di agio costituisce un ottimo inizio.
La sensazione peggiore che si può provare in uno studio dentistico e’ quella di sentirsi “confinati” in attesa del proprio “turno”. Sono eliminati gli inutili tempi d’attesa; nella sala d’aspetto è presente un materiale di lettura vario, interessante e aggiornato; musica piacevole ti accoglierà nei locali ben illuminati e moderni, dove non sentirai più il tipico “odore del dentista”.
A terapia conclusa, la soddisfazione derivante da questo “viaggio odontoiatrico”, si assocerà alla certezza di aver realizzato un rapporto di amicizia e di stima reciproca, che costituirà un legame tale da poter affrontare insieme qualunque problema possa presentarsi in futuro.
 
La pre-anestesia
La nostra strategia contro la paura del dentista oltre al giusto approccio psicologico, all’ambiente rilassante è vincente anche l’uso della pre-anestesia mediante gli spray anestetici i quali evitano di percepire la puntura dell’ago della vera e propria anestesia. Ci sono tanti pazienti che non si rendono neanche conto di avere subito l’iniezione.
Solo in alcuni casi particolari somministriamo preventivamente dei farmaci ansiolitici.

Prenota una visita con il dott. Paolo e la dott.ssa Monica

Chiama sede di

Bari

Chiama sede di

Andria