Gli ultimi denti dell’arcata inferiore e superiore sono chiamati denti del giudizio, terzi molari oppure ottavi perché sono l’ottavo dente di ogni emiarcata. Erompono tra i 18 ed i 30 anni.
Quando devono essere rimossi i denti del giudizio?
In molti pazienti non c’è abbastanza posto per alloggiare anche i denti del giudizio motivo per cui rimangono completamente o parzialmente inclusi nell’osso senza raggiungere il piano occlusale.
Queste zone sono difficilmente detergibili motivo per cui residui di cibo permangono e danno origine a continui e ripetuti ascessi a volte anche dolorosi. La carie per via della difficoltà di detersione è sempre in agguato e minaccia non solo lo stesso dente del giudizio, ma anche gli altri molari come si evince da queste radiografie.
A volte la gengiva che sta intorno ad un dente del giudizio non erotto può essere traumatizzata dal dente antagonista come si evince da questa immagine e provocare dolore. In questi casi l’estrazione del dente risolve il problema oppure sotto anestesia si può asportare la gengiva in eccesso (gengivectomia).
 A quale età dovrebbero essere rimossi i denti del giudizio?
Non c’è un’età indicativa precisa in cui estrarre il dente del giudizio. In genere se da problemi è preferibile toglierlo il prima possibile. In alcuni casi è possibile e soprattutto è molto più semplice togliere il dente del giudizio primi che si formi completamente (germectomia).
Cosa comporta l’estrazione del dente del giudizio?
L’estrazione dei denti del giudizio inclusi è un intervento di routine, che viene eseguito nel nostro studio di Bari in anestesia locale. Dopo l’estrazione, possono verificarsi leggero gonfiore e dolore, che fanno parte del normale processo di guarigione e che possono essere tenuti sotto controllo con antibiotici e antidolorifici.
Cosa NON FARE dopo l’estrazione: consigli utili
  1. Non sciacquarsi la bocca per le prime 8-12 ore dopo l’estrazione.
  2. Non assumere bevande o cibi caldi.
  3. Non fumare per i primi 2-3 giorni successivi all’estrazione.
  4. Non masticare gomme per una settimana dopo l’estrazione.
  5. Non assumere farmaci contenenti acido acetilsalicilico (Aspirina) che potrebbero interferire con la coagulazione.
  6. Non irritare la zona dell’estrazione con cibi duri e caldi.
  7. Non spazzolare i denti in quella zona per almeno una settimana In caso di estrazioni complicate.
  8. Non praticare attività sportiva o attività fisiche pesanti per i primi 2 o 3 giorni successivi all’estrazione.
  9. Dormire con la testa sollevata da più cuscini aiuta a ridurre il sanguinamento ed il gonfiore.
  10. La dieta ideale dopo l’estrazione è costituita da cibi freddi, soffici e molti liquidi.
  11. Un adeguato riposo, nei giorni successivi l’estrazione, favorisce una rapida guarigione.
AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non devono essere intese come sostitutive del parere clinico del medico, pertanto non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via e-mail vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita medica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

Prenota una visita con il dott. Paolo e la dott.ssa Monica

Chiama sede di

Bari

Chiama sede di

Andria