Cos’è la carie?
La carie è una malattia multifattoriale la cui causa principale è rappresentata dallo streptococco mutans il quale aderisce al dente moltiplicandosi a dismisura in presenza di placca, tartaro e residui di cibo ricchi di carboidrati (dolci, pane, pasta etc).
Dove comincia la carie?
La carie inizia laddove i batteri aderiscono con più facilità: i solchi presenti sulle superfici masticanti e lo spazio compreso tra un dente e l’altro.
Quando si avverte il dolore?
La carie dello smalto dentale non dà sintomi perché lo smalto dei denti non è innervato; quando però interessa la dentina si ha, fastidio, dolore al caldo e/o al freddo. Se la carie non è curata in questo stadio i batteri ed i loro prodotti tossici raggiungono la polpa dentaria (nervo) e la infiammano irreversibilmente (pulpite) costringendo il dentista ad eseguire la devitalizzazione.
Come si esegue un’otturazione?
La carie viene rimossa attraverso gli strumenti rotanti; la cavità così ottenuta viene accuratamente pulita e disinfettata asportandone dal dente il tessuto malato e infetto. La sostanza dentale perduta viene ricostruita con materiali da otturazione. Grazie al nostro costante aggiornamento, le tecniche per l’otturazione e il materiale che proponiamo ai nostri pazienti sono sempre più sicuri; infatti le nostre otturazioni vengono effettuate con i compositi. I compositi sono i materiali più moderni dal colore uguale a quello del dente naturale, costituiti da una matrice organica (resina) che conferisce la plasticità e l’adattabilità all’interno della cavità cariosa e da una parte inorganica (ceramica o vetro) che conferisce la robustezza, la resistenza alle abrasioni e la lucentezza. Vengono usati sia nei settori anteriori (incisivi e canini) sia nei settori posteriori (premolari e molari).
Cos’è la diga di gomma?
Noi dello Studio Dentistico Mastrangelo & Milillo, per fare una buona otturazione di estetica dentale che duri nel tempo, isoliamo il campo operatorio con la diga di gomma. Le motivazioni sono molteplici:
– la possibilità di compiere terapie in condizioni corrette, grazie alla mancata contaminazione dei denti su cui si opera da parte di saliva, sangue e residui organici;
– la composizione chimica, propria dei materiali da otturazione come le resine composite richiede un’assoluta assenza di umidità per il loro corretto impiego clinico;
– impedisce durante le procedure cliniche per realizzare un’otturazione il contatto dei liquidi (acqua dei trapani, disinfettanti, ecc.) e dei materiali con la bocca del paziente;
– garantisce un elevato grado di protezione della bocca sia in termini igienici che di prevenzione di ingestioni accidentali di strumenti e materiali;
– previene il rischio di deglutire accidentalmente, quando si rimuove una vecchia otturazione in amalgama, polvere di argento e residui di mercurio, di cui è nota la loro tossicità;
– limita notevolmente la possibilità di lesioni accidentali delle mucose orali che possono essere prodotte dal dentista con l’uso degli strumenti rotanti durante le sue operazioni;
– rende molto più agevole il confort di quei pazienti che non tollerano troppi strumenti in bocca a causa di una maggiore sensibilità al riflesso del vomito.
La diga di gomma è composta da un foglio di gomma quadrato di circa 15 X 15 cm di diversi colori (verde, blu o rosa) in cui si ricavano buchi nei quali vanno inseriti i denti da trattare, escludendo tutti gli altri. E’ sostenuta davanti alla bocca da un arco di metallo che la tiene tesa e da piccoli ganci ancorati ai denti. L’uso della diga di gomma, inoltre, riduce in modo significativo il contatto con i fluidi salivari ed ematici del paziente impedendo la produzione di aerosol che potrebbero essere potenzialmente contaminati da agenti infettanti come HIV e HCV.
Perché cambiare le otturazioni in amalgama?
La maggior parte delle persone hanno in bocca tanti tipi di otturazioni. Oggi ci sono otturazioni funzionali ed otturazioni estetiche. Molte persone non vogliono più otturazioni in amalgama di color argento perché sono più attente al loro aspetto. Un’altra ragione valida per sostituire le otturazione in amalgama e che queste contengono il mercurio un elemento molto tossico che potrebbe liberarsi per fenomeni di abrasione (durante la masticazione), corrosione e disgregazione elettrolitica all’interno della cavità orale.
 
Come mantenere la cura dell’otturazione nel tempo?
Affinché l’otturazione effettuata dal dentista sia stabile nel tempo è necessario rispettare le seguenti regole:
  • Corretta igiene orale
  • Usare un dentifricio al fluoro
  • Usare un filo interdentale
  • Cambiare lo spazzolino ogni 2-3 mesi
  • Farsi sigillare i solchi dentali presenti sulla superficie triturante di premolari e molari
  • Occhio alla vostra alimentazione
  • Visite dal dentista periodiche
Cosa sono gli intarsi dentali?
Gli intarsi dentali sono otturazioni bianche che anziché essere eseguite direttamente nello studio dentistico sono fabbricate prima in laboratorio e poi cementate in bocca dal dentista. Si realizza a partire da un’impronta, presa nello studio dentistico dopo la rimozione della carie o della vecchia otturazione. L’intarsio dentale avrà il compito di riempire la cavità ricostruendo la forma originaria del dente nel modo più accurato e naturale possibile. Ci sono intarsi in composito o intarsi in ceramica.
AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non devono essere intese come sostitutive del parere clinico del medico, pertanto non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via e-mail vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita medica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

Prenota una visita con il dott. Paolo e la dott.ssa Monica

Chiama sede di

Bari

Chiama sede di

Andria